Il Progetto | SURROUNDED - L'Europa accerchiata
4
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Da decenni assistiamo a trasformazioni epocali, sempre più rapide e imprevedibili. La minaccia del terrorismo non risparmia nessuno, vecchi e nuovi totalitarismi compromettono lo sviluppo di interi popoli, nuove forme di colonialismo si affacciano sulla scena di Paesi ancora fragili, che rischiano il saccheggio delle risorse.

Niente di nuovo, in fondo. Tutte cose già viste lungo il corso della Storia. Ma sono cambiate le dinamiche, le velocità e le proporzioni di questi fenomeni.
L’uomo è rimasto uguale a se stesso, ma gli strumenti che oggi ha a disposizione ne amplificano enormemente ambizioni, sete di potere, violenze.

La conseguenza è la crescita diffusa ed esponenziale della instabilità ad ogni livello.

Da qui l’idea di dare un modesto contributo alla riflessione sull’evoluzione degli scenari e delle politiche internazionali, attraverso uno strumento agile e articolato che consenta un accesso non limitato agli addetti ai lavori ma esteso verso un pubblico il più possibile vasto.

Un luogo virtuale di confronto e dialogo sui temi decisivi per questo nostro tempo, nel quale globale e locale si intrecciano e si influenzano reciprocamente in una logica glocal.

Il tutto attraverso una redazione affidata ad un gruppo di giovani appassionati al mondo e al proprio futuro, supportati da contributi che vengono da chi ha lungamente percorso i tortuosi itinerari della politica internazionale degli ultimi decenni. Accomunati dalla volontà e la determinazione ad attuare una reale controinformazione, contro il politically correct che rende ideologicamente parziale ogni lettura dei fatti.

L’Europa da sempre così centrale nella storia dell’Occidente, oggi appare stancamente incapace di ritrovare il protagonismo che per secoli ne ha fatto l’autentico punto di riferimento del Mondo.

Oggi appare letteralmente accerchiata da minacce, conflitti, pressioni economiche e geopolitiche. Assediata non dalla fame e dalla sete, ma da civiltà fortemente identitarie, radicalismi religiosi e centri di potere economico-finanziari che la vedono come terra di conquista.

Un quadro complesso come mai si era verificato nel passato, alla cui lettura speriamo di poter dare il contributo di chi ama il proprio tempo e il proprio destino così profondamente da dedicarvi entusiasmo, tempo, fatica e intelligenza, senza anteporre ideologie o radicalismi alla realtà, straordinariamente faticosa e stimolante, dentro la quale il destino ha collocato ciascuno di noi.